Focus


The Piranesi Experience: architetti cinematografici

 

In una delle tante meravigliose inquadrature di Bajkonur, Terra leggiamo “Alzate la testa” al fianco del volto di Yuri Gagarin. La scritta appare nel centro abitato di Bajkonur, base spaziale ex sovietica e oggi russa, nel cuore del Kazakistan dove tutto – anche la fede – sembra rivolgersi al cielo e all’esplorazione dello spazio.

“Da architetto, fare un film che mettesse al centro del racconto i luoghi era da sempre stato il mio sogno” – dice Claudio Esposito, produttore del film – “e ringrazio il regista Andrea Sorini per averlo immaginato e il mio compagno di questa complessa avventura produttiva Andrea Gori (Lumen Films)”.

Bajkonur, Terra è un documentario dolcemente surreale con uno stile visivo ispirato fortemente al lavoro di Luigi Ghirri. Il primo lungometraggio prodotto da The Piranesi Experience, una società di produzione cinematografica indipendente fondata nel 2014 da Claudio Esposito, Fabio Paolucci ed altri ex allievi del Centro Sperimentale di Cinematografia.

“In questi primi anni abbiamo lavorato su un doppio binario” dice Claudio Esposito. “Da un lato le commissioni ricevute da architetti e imprese di costruzione che ci hanno dato l’occasione di filmare le architetture di Zaha Hadid, Cino Zucchi, Giovanni Vaccarini e Renzo Piano. Dall’altro un costante investimento in contenuti originali. Ovviamente la partenza è stata un film di documentario e tanti cortometraggi, ma speriamo presto di passare alla serialità: siamo infatti al lavoro sulla prima serie climate-fiction italiana, basata sul romanzo Cosmica di Daniela De Francesco con la regia di Lorenzo Corvino”.

 


 


Siamo felici di ospitare il lavoro di Piranesi Experience su Fuorisalone TV dal 15 al 21 giugno 2020 con i film Deep into the surface e Superficie Tessuto Corpo

 



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata.

1
2
3
4
5
6
7

— Vedi anche...

Focus

CEDIT presenta “Chimera” di Elena Salmistraro 

Alla ricerca tecnologica del Gruppo Florim si unisce l’estro creativo di Elena Salmistraro che dà vita a “Chimera”, la nuova collezione del marchio CEDIT – Ceramiche d’Italia (made in Florim). Le grandi lastre in gres porcellanato di “Chimera” offrono “una fruizione non più solo visiva, […] ma anche tattile. Come la chimera della tradizione «grottesca», che fondeva e ibridava forme diverse, […] anche il progetto per CEDIT cerca di rendere la ceramica sinestetica attraverso uno sviluppo tridim...

Alla ricerca tecnologica del Gruppo Florim si unisce l’estro creativo di Elena Salmistraro che dà...

Focus

Safe restart: quali materiali per la fase 3?

Emergenza sanitaria, pandemia, lockdown, ripartenza, nel 2020 hanno definito le nuove scale di valore sui materiali basate sulle priorità contingenti, funzionali e legate alla sicurezza. Quale sarà il prossimo orientamento in termini di soluzioni materiali? In quale direzione progettuale e in che termini i materiali assumeranno un ruolo centrale nel recupero della nuova normalità?

Emergenza sanitaria, pandemia, lockdown, ripartenza, nel 2020 hanno definito le nuove scale di va...