Focus


Rado - L’originale Captain Cook

Rado offre al Captain Cook un paio di opzioni di cinturini. Tutti i modelli presentano un bracciale in acciaio stile oyster con maglie centrali lucide o un robusto cinturino in pelle abbinato al colore del quadrante

 

Il primo Rado Captain Cook fece il suo debutto nel 1962, solo pochi anni dopo la fondazione del marchio e durante il boom degli orologi subacquei dei primi anni '60. Prende il nome dal famoso esploratore britannico del 18 ° secolo che scoprì le Hawaii. L'originale Captain Cook divenne celebre per il suo design compatto e le caratteristiche uniche. Di dimensione leggermente inferiore rispetto agli standard dell'epoca, con 35,5 millimetri di diametro, il Captain Cook del 1962 presentava un mix di elementi subacquei tradizionali edelementi distintivi Rado.
La forma complessa della cassa era quella di un classico sub, con anse dritte che sporgono dalla cassa, ma questi elementi più tradizionali erano sormontati da una lunetta girevole che distingueva il Captain Cook dal resto dei prodotti presenti sul mercato.
Questo elemento, quasi scultoreo, ha permesso alla cassa di catturare la luce da quasi ogni angolazione.
Con riferimento alle immersioni, Rado ha rivendicato un'impermeabilità fino a 220 metri senza l'uso di una corona a vite, grazie al fondello brevettato Brevet con chiusura a baionetta. Il quadrante dell'originale Captain Cook era altrettanto distintivo. Gli indici a forma di cuneo luminescenti a ore dodici, sei e nove, erano abbinati ad una singolare ed enorme lancetta a freccia.
La maggior parte delle varianti originali del Captain Cook avevano la lancetta delle ore a forma di freccia , ma alcune versioni più rare presentavano una lancetta dei minuti a forma di freccia ed una lancetta delle ore a forma di spada.
L'originale Rado Captain Cook venne realizzato tra il 1962 ed il 1968. In risposta ai mutevoli gusti del mercato subacqueo, Rado rinnovò completamente la linea Captain Cook e nel 1969 introdusse nel suo design una corona avvitata che continuò ad utilizzare anche negli anni '70. Sebbene il Captain Cook di prima generazione fosse ben lungi dall'essere l’orologio subacqueo più comune della sua epoca, la sua rarità e il suo design unico lo hanno reso uno dei preferiti dagli appassionati di orologi subacquei e nel corso degli anni la leggenda del Captain Cook è diventata una pietra miliare per il marchio.

Il ritorno del Captain Cook

Il Captain Cook è rimasto latente nella collezione di Rado per decenni. Prima di entrare a far parte della linea Rado Tradition, il nuovo Captain Cook ha fatto la sua comparsa sul mercato con due modelli dal carattere maschile: una serie da 45 millimetri eduna versione fedele all’originale in edizione limitata.
Il cuore della linea attuale, tuttavia, è la gamma completa di varianti da 42 millimetri introdotte sul mercato nel 2019. Gli orologi Tradition Captain Cook richiamano nell'aspetto l'originale del 1962. Rispetto al Captain Cook da 45 millimetri, i nuovi modelli offrono una dimensione davvero moderna ed aggiungono al mix l'uso di una delicata combinazione di colori.

Passata da 35,5 a 42 millimetri, la cassa in acciaio inossidabile del Captain Cook si propone con un fascino vintage che avvolge il polso raggiungendo una lunghezza complessiva di 40,6 millimetri.
Nonostante l'aumento delle dimensioni, le proporzioni sembrano ancora quelle classiche con uno spessore complessivo di 12,1 millimetri. La lunetta girevole dell'originale segnatempo è presente anche sui nuovi modelli, resi ancora più dinamici grazie ad una ghiera concava che dispone di un inserto in ceramica high-tech lucido (un segno distintivo di Rado sin dagli anni '80). La lunetta in ceramica high-tech aggiunge un tocco vintage, grazie ai numeri e agli indici dei minuti incisi su uno sfondo argentato sfumato del colore del quadrante.
Il cristallo zaffiro protegge il quadrante e porta in dote le sue qualità antigraffio
Anche le linee della cassa sono fedeli all'originale, accentuate dalla lucidatura a specchio e dagli angoli della cassa estremamente nitidi.
Sul retro del fondello sono incisi 3 cavallucci marini. La collezione certificata ISO lo rende impermeabile fino a 200 metri, garantendo affidabilità in quasi tutti gli scenari acquatici.

Il quadrante del nuovo Captain Cook è un mix di materiali moderni abbinato a forme ed elementi classici. La superficie principale del quadrante presenta una leggera curva, che aggiunge ulteriore profondità visiva e fornisce un contrasto intrigante rispetto alla curva inclinata verso l'interno della lunetta.
La lancetta a forma di spada e freccia dell'originale Captain Cook è stata raffinata e leggermente ridotta per questo riedizione, mantenendo una chiara leggibilità ed un forte impatto grafico.
A ore 12, il famoso simbolo con l’ancora mobile è stato presentato nel classico stile anni '60 con uno sfondo rosso rubino che dà vita ad un connubio interessante. Anche il datario in rosso a ore 3 presenta lo stesso colore del modello originale. Le forme classiche sono in contrasto con il colore che va in una direzione molto più contemporanea ed il quadrante è sfumato in una scelta di cinque tonalità che rappresentano un altro elemento caratterizzante la nuova collezione. Questi includono il nero, il grigio complesso, il marrone intenso, il blu mare ed il verde foresta.
Le tonalità più vivaci del quadrante sono state esaltate dalla presenza di un acciaio inossidabile spazzolato con gli indici dei minuti incisi, che conferisce un tocco di modernità e differenzia piacevolmente questo modello dal pezzo degli anni '60 da cui prende ispirazione.

Il Tradition Captain Cook 42 mm viene proposto con un assortimento di due cinturini addizionali.
Il primo di questi è uno straordinario bracciale a chiusura, che soddisfa in egual misura modernità e stile vintage. L'alternativa è un cinturino in pelle marrone chiaro con impunture orizzontali bianche. La sensazione del materiale si lega allo stile generale della cassa di ispirazione vintage e i toni marrone chiaro del cinturino giocano come contrappunto ai neri saturi o ai toni gioiello del quadrante e della lunetta, consentendo al Captain Tradition Cook 42 mm di essere indossato con uguale facilità.

Variazioni sul tema

L’edizione da 42 millimetri del Captain Cook è diventata rapidamente il punto di riferimento di questa collezione e dal 2017, il Captain Cook viene presentato da Rado anche in un'ampia varietà di dimensioni, colori e stili del quadrante.

Il più distintivo e moderno di questi è senza dubbio il Captain Cook Automatic.
Questo è meno legato ad una linea classica rispetto agli altri modelli della collezione. Oltre a ridimensionare il design originale della cassa, il Captain Cook modifica significativamente le proporzioni. Le anse sono più larghe e sostanziali, con contorni arrotondati più moderni e una corona avvitata.
Mentre la lunetta girevole rimane il simbolo di Rado , il bordo è molto più pronunciato ed il cristallo tradizionale viene sostituito con un elemento piatto più moderno.
Ciò consente al Captain Cook di ridurre al minimo la ​​profondità della cassa a soli 2,7 millimetri. L'inserto della lunetta in ceramica ad alta tecnologia presenta indici e numeri più sottili e stampati con Super-LumiNova® bianca. Naturalmente, la differenza più evidente tra i due modelli oltre alle dimensioni è il cambio di materiali e l’utilizzo del titanio indurito.
Rado - come sempre master of materials - ha anche scelto di includere una lunetta girevole in acciaio al carbonio. Questi materiali più leggeri e più durevoli, abbinati a una corona avvitata, consentono al Captain Cook di essere uno tra gli orologi da immersione più adeguato ai 200 metri di resistenza all'acqua.

Rado offre al Captain Cook un paio di opzioni di cinturini. Tutti i modelli presentano un bracciale in acciaio stile oyster con maglie centrali lucide o un robusto cinturino in pelle abbinato al colore del quadrante



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata.

1
2
3
4
5
6
7
8

— Vedi anche...

Focus

CEDIT presenta “Chimera” di Elena Salmistraro 

Alla ricerca tecnologica del Gruppo Florim si unisce l’estro creativo di Elena Salmistraro che dà vita a “Chimera”, la nuova collezione del marchio CEDIT – Ceramiche d’Italia (made in Florim). Le grandi lastre in gres porcellanato di “Chimera” offrono “una fruizione non più solo visiva, […] ma anche tattile. Come la chimera della tradizione «grottesca», che fondeva e ibridava forme diverse, […] anche il progetto per CEDIT cerca di rendere la ceramica sinestetica attraverso uno sviluppo tridim...

Alla ricerca tecnologica del Gruppo Florim si unisce l’estro creativo di Elena Salmistraro che dà...

Focus

Safe restart: quali materiali per la fase 3?

Emergenza sanitaria, pandemia, lockdown, ripartenza, nel 2020 hanno definito le nuove scale di valore sui materiali basate sulle priorità contingenti, funzionali e legate alla sicurezza. Quale sarà il prossimo orientamento in termini di soluzioni materiali? In quale direzione progettuale e in che termini i materiali assumeranno un ruolo centrale nel recupero della nuova normalità?

Emergenza sanitaria, pandemia, lockdown, ripartenza, nel 2020 hanno definito le nuove scale di va...