Focus


TAN, il nuovo progetto di design sperimentale di Soft Baroque

Un progetto di design sperimentale che volge alla progettazione di una scultura primordiale ispirata alla potenza creativa e distruttiva del Sole.
 

 

Saša Štucin e Nicholas Gardner del duo Soft Baroque hanno progettato una scultura funzionale intitolata TAN, lasciandosi ispirare dall’elemento del sole e dal suo potenziale al tempo stesso creativo e distruttivo.
Il progetto di design sperimentale, presentato dal marchio Marsèll, è stato sviluppato in collaborazione con PIN–UP Magazine, testata newyorchese di architettura e design.

TAN è un anticipo di quel che sarà SUN CITY, la prima mostra personale di Soft Baroque a Milano, che verrà presentata ad aprile 2021 negli spazi espositivi di Marsèll in collaborazione con PIN–UP. Il progetto espositivo è realizzato in collaborazione con Felix Burrichter, editor e creative director di PIN–UP magazine.

tan

La struttura, che ha una composizione piramidale, consiste nell’interconnessione di 7 panchine che sembrano fondersi l’una con l’altra.
Questa seduta evoca i siti precristiani di adorazione del sole.

Ogni elemento è composto da un’anima in legno e rivestito di scampoli di gomma poliuretanica che ricreano una morbida superficie a bolle, posizionate appositamente in corrispondenza dei punti di pressione di un corpo rilassato.
Le affusolate gambe d’acciaio, rifinite con teste di gomma, sono ridotte al minimo spessore per accentuare il volume della parte superiore delle panche.

Le panche sono state originariamente prodotte in un laboratorio artigianale in Slovenia e sono state ricoperte intermente a mano dalle maestranze di Marsèll nello stabilimento produttivo di Venezia con il classico cuoio di vitello, in un brillante colore giallo. Il cuoio si presenta come un surrogato della pelle umana, completo anche di gocce di sudore.

tan1

Un altro punto di ispirazione per la creazione di “TAN” è quello più recente della fissazione per l’abbronzatura e l’estetica contemporanea della “cultura della vacanza”. Non a caso le sette panchine sono state fotografate all’alba da Leonardo Scotti per PIN–UP su una spiaggia del Mar Adriatico.

 “Siamo estremamente interessati ai danni involontari che il sole può provocare ai materiali, particolarmente alle plastiche e alle sostanze sintetiche." hanno dichiarato Saša Štucin e Nicholas Gardner di Soft Baroque. “La gessosità delle sedie da giardino, il ribollire delle pellicole per finestre, le immagini bruciate dei cartelloni pubblicitari, le tinte scolorite sui tessuti e l’afflosciarsi del plexiglas o dei laminati. Questa grande struttura per il relax è bizzarro un omaggio a tutto questo, versioni raffinate e cristallizzate di oggetti in lento declino, che si sciolgono al sole, fornendo un luogo dove riposare e giocare durante la caduta.”

tan2





Tag: Design Mostre Milano Installazioni Soft Baroque Marsèll



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata. — Pubblicato il 02 marzo 2021

Vedi anche...