Focus


5VIE presenta la mostra “Looks Like Magic!” tra creatività ed ecosostenibilità

 

Durante l’ultima edizione della Milano Design Week l’avamposto delle 5VIE in Via Cesare Correnti ancora una volta non ha deluso, presentando una piccola ma significativa mostra che ha saputo toccare con grazia i grandi temi della nostra epoca: creatività ed eco sostenibilità.
 

Looks Like Magic!” è la mostra, curata da Maria Cristina Didero e prodotta dal distretto cittadino delle 5VIE, con cui il designer madrileno Jorge Penadés ha portato a Milano la sua ricerca in fieri sull’utilizzo di un nuovo materiale simile all’argilla ma di derivazione tessile.

Nome


Se già qualche anno fa, in occasione del Salone del Mobile del 2017, l’azienda danese Kvadrat aveva presentato Really, un progetto che trasformava in un materiale solido gli scarti della loro produzione industriale tessile in pieno filone up cycling, la ricerca di Penadés guarda nella stessa direzione ma muove un passo laterale, andando ancora oltre e recuperando addirittura gli scarti tessili dalle lavanderie industriali.

Matasse di filamenti, scarti, fibre aggrovigliate che il designer recupera dai filtri delle asciugatrici industriali sotto forma di polvere tessile e che, dopo un accurata ripulitura ed essicazione, unisce ad agenti inamidanti liquidi ottenendo così una pasta morbida al punto da poter essere lavorata manualmente. Quasi come l’argilla e paradossalmente ancor più ecologica grazie alla sua caratteristica di essiccare naturalmente in sole 24 ore, eliminando così gli alti consumi energetici che richiedono i forni di cottura dell’argilla.
 

Nome

 

“Looks Like Magic!” è quindi una mostra performativa in cui lo spazio espositivo viene presentato come laboratorio di up cycling con la materia prima presente sia allo stadio originale che nelle diverse fasi di trasformazione. Qua è là fiale, guanti ed attrezzi da lavoro circondano il grosso piano centrale in alluminio, che ricorda il tavolo di una sala operatoria, trasformandolo in un palcoscenico laboratorio animato dal designer e dal suo team, resi opportunamente riconoscibili da grembiali manifesto.

Nome

Nella mani di Jorge Penadés la pasta tessile prima mescolata con il liquido inamidante e poi pigmentata si trasforma in una materia prima atta ad essere nuovamente manipolata fino a diventare contenitore, portafrutta, vaso... ed i cui mille campi di esplorazione sono ancora tutti da individuare.

 

Nome

Quest’edizione della Milano Design Week ritorna quindi ai fondamentali parametri di ricerca, creatività, poesia ed ironia che nel passato l’hanno resa famosa anche grazie a questo progetto di ricerca che individua un nuovo materiale, interamente di scarto, e lo trasforma in una pasta malleabile per la nostra progettualità.

Nome



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata. — Pubblicato il 20 settembre 2021

Vedi anche...