Design Schools
ABADIR: Variazione36 - Giada Coco e Michele Strano
Dal 15/06 ALLE 08:00

ABADIR: Variazione36 - Giada Coco e Michele Strano

VARIAZIONE 36 è la tesi triennale di Giada Coco e Michele Strano. Il progetto nasce dall’analisi dell’oggetto “vaso”, partendo da ogni singola parte piuttosto che dal vaso nella sua interezza.

Bruno Munari, nella sua idea di progetto che muove sempre dalla presenza di un problema, riprende il metodo cartesiano e analizza un problema scomponendolo in tante parti minori. Così, volendo stabilire alcune qualità formali comuni a tutti i vasi è possibile subito identificare tre parti: il collo, la pancia, la base. Queste tre parti scomposte vivono in funzione dell’idea portante del progetto intero, idea che gira attorno al concetto di “unione” e trae ispirazione dall’antica tecnica di recupero giapponese nota con il termine Kintsugi, che evidenzia le fratture, le impreziosisce e aggiunge valore all’oggetto rotto.

In questo caso, ciò che viene sperimentato non è la rottura fisica dell’oggetto ma una scomposizione organizzata e progettata dello stesso. Ogni parte ha la caratteristica di essere unica per forma, altezza e colore, pur avendo in comune una corona dello stesso diametro, che ne permette l’intercambiabilità.

Il percorso progettuale ha portato quindi non alla progettazione di un vaso, bensì di una collezione con la possibilità di ottenere 36 variazioni con 9 pezzi, ottenendo 9 vasi da 2 pezzi e 27 vasi da 3 pezzi, con 8 altezze che si muovono tra i 5 ed i 45 cm.

Durata:

00:04:28   

Anno di produzione:

2016   

Credits:

Progetto di tesi Corso Triennale in Design e Comunicazione Visiva A. A. 2015-16
Laboratorio di Design
Studenti: Giada Coco e Michele Strano
Relatore: Vittorio Venezia

Altri episodi di ABADIR Accademia di Design e Comunicazione Visiva

L'indispensabile

La nostra newsletter settimanale per restare aggiornati su tutto ciò che succede nel design. E non solo.

Rimani aggiornato. Iscriviti!

Accetto la privacy policy.