Focus


La nuova installazione di Olafur Eliasson a Chicago

Un nuovo landmark per la città americana: un mosaico composto da 1963 piastrelle, concave e colorate, che cambia a seconda della posizione, dell’ora e delle stagioni.

 

Si intitola “Atmospheric wave wall” ed è la nuovo progetto realizzato da Olafur Eliasson a Chicago. Un'installazione permanente di arte pubblica che prende forma sulla facciata della Willis Tower, celebre grattacielo che fino al 1998, con i suoi 527 metri, deteneva il primato di più alto della città.

Nome


L’intervento dell’artista danese di origini islandesi si sviluppa su una superficie rettangolare di 18 metri in larghezza per 9 di altezza: un monumentale mosaico composto da 1963 piastrelle in metallo laccato, concave e colorate, accuratamente scelte una ad una. Il risultato è un’opera pubblica che cambia a seconda della posizione dell’osservatore, dell’ora e delle stagioni, e che dà un nuovo volto al grattacielo in un gioco di luci e ombre.
 

Nome


Come suggerisce il nome, “Atmospheric wave wall” è un omaggio al lago Michigan e al suo moto ondoso: "È stato un grande piacere creare un'opera d'arte appositamente per la Willis Tower e per Chicago", ha dichiarato Olafur Eliasson. "Mi sono ispirato alla superficie del lago Michigan, perennemente increspata a causa dei repentini cambiamenti climatici. La mia speranza è che questo intervento possa dare un contributo positivo all’edificio e alla comunità locale, suscitando una riflessione sull’impatto che l’uomo ha sull’ambiente, sulle invisibili interazione e sui piccoli cambiamenti che caratterizzano gli spazi condivisi.”
 

Nome


L’opera di Olafur Eliasson è parte di un’iniziativa avviata nel 2019 dalla società che gestisce il grattacielo, la EQ Office: "Art of the Neighborhood," ovvero un programma culturale che prevede il coinvolgimento di artisti di primo piano per la realizzazione di interventi mirati site-specific.





Tag: Chicago Installazioni Olafur Eliasson Design



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata. — Pubblicato il 29 gennaio 2021

Vedi anche...

La carbon footprint spiegata (e uno sguardo alle strategie di contrasto al climate change)

Mai sentito parlare di carbon footprint o, più genericamente, impronta ecologica? Si tratta di una misura per valutare l’impatto ambientale attraverso le emissioni di gas serra che ognuno di noi produce. Siccome il tema è  quanto mai di attualità, ecco un piccolo vademecum per orientarsi in proposito.

 

Mai sentito parlare di carbon footprint o, più genericamente, impronta ecologica? Si tratta di un...