Focus


Il tema di Fuorisalone 2022

Dal 4 al 10 aprile torna l’appuntamento internazionale con il design. Il tema proposto per questa edizione vuole essere uno spunto di riflessione e uno stimolo per tutte le aziende che intendono prendere parte all'evento.

 

 

In vista dell'edizione 2022 di Fuorisalone, in programma dal 4 al 10 aprile, abbiamo definito il tema "Tra Spazio e Tempo", uno spunto di riflessione e uno stimolo per tutte le aziende che intendono prendere parte all'evento. 

Spazio e tempo sono le due dimensioni al centro del dibattito e delle agende internazionali che oggi determinano lo scenario di riferimento per la cultura del progetto definendone il contesto di azione.

La scelta del tema nasce dalle osservazioni emerse nel corso degli ultimi due anni, dal dialogo con aziende e designer e dal manifesto programmatico di COP26: non abbiamo molto tempo per pensare al nostro spazio e solo progettando ogni azione in maniera consapevole, possiamo pensare al futuro.

La riflessione non si limita a questo. Pensiamo infatti alle diverse interpretazioni possibili sul tema, così come è stato con “Forme dell’Abitare”, per dare vita a progetti di comunicazione capaci di estendere il messaggio e condividere diversi punti di vista.

image-1637760117
 


"Sentivo una grande necessità di visitare luoghi deserti, montagne, di ristabilire un rapporto fisico con il cosmo, unico ambiente reale, proprio perché non è misurabile, né prevedibile, né controllabile, né conoscibile… mi pareva che se si voleva riconquistare qualche cosa bisognasse cominciare a riconquistare i gesti microscopici, le azioni elementari, il senso della propria posizione. Che cosa c’entra il design con i destini? Forse sarebbe meglio abituarsi a disegnare l’oscura incertezza piuttosto che presumere il disegno della certezza"   ─  Metafore, Ettore Sottsass*



Per qualcuno può essere un invito utile a ricordare l’importanza di dedicare del tempo al proprio spazio, per altri può essere un monito a progettare spazi che durino nel tempo o a considerare quale spazio dedicare al tempo per realizzare qualcosa di utile e importante per sé e per gli altri.

Dalla relazione tra questi due elementi possono nascere diverse interpretazioni utili ad allargare il dialogo in un confronto aperto tra professionisti, ricercatori e imprenditori ibridando diverse discipline.

Per delineare il percorso di lavoro che ci accompagnerà da qui ad aprile 2022 abbiamo pensato a dieci parole chiave.

image-1637759649

In questa fase vogliamo aprire un dialogo con chiunque si senta stimolato dal tema proposto per creare sinergie e opportunità, confermando la centralità del design nella definizione degli scenari futuri.

*Ettore Sottsass, Metafore
Tra il 1972 e il 1979 Ettore Sottsass realizza “Metafore”, una serie di installazioni costruite e fotografate con l’aiuto della sua fidanzata Eulalia Grau. In questi anni Sottsass mette in discussione il design e l’architettura, più legati a un meccanismo di produzione e consumo che ai reali bisogni dell’uomo. Alla ricerca di un’alternativa, lascia lo studio di Milano per brevi fughe nei Pirenei, per ricostruire un’essenzialità fatta di stoffa, spago e parole. Il contenuto emotivo di queste opere è espresso da un vuoto: l’architettura si riduce a un contorno fragile che allude alla presenza dell’uomo, ma ciò che appare è invece lo sfondo immutabile del paesaggio. La figura linguistica della metafora connette perciò l’uomo al paesaggio, ricostruendo il legame spezzato tra i due. Ogni foto è accompagnata da una frase che affronta, in modo tagliente e ingenuo, il difficile tema dell’esistenza. Immagine e parola vanno lette insieme, poiché l’intera serie può essere considerata come una conversazione ironico-poetica tra il mondo reale e l’universo interiore. In ogni capitolo l’esperienza personale si intreccia con la voglia di narrare una storia universale: l’architettura, leggera e fugace come la parola, raccoglie i dubbi dell’uomo per restituirli alla natura.



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata. — Pubblicato il 24 novembre 2021

Vedi anche...