Focus


Il nuovo sistema di sedute di Saba Italia disegnato da Cristina Celestino

Un progetto che richiama le atmosfere retro-future degli anni Settanta. Un divano dalle geometrie morbide e decise.

 

Con il progetto Gala Cristina Celestino inaugura la sua collaborazione con Saba Italia. Il nuovo sistema di sedute realizzato dalla designer friulana, dalle linee morbide e decise, rimanda alle atmosfere retro-future dei divani da abitare degli interni anni Settanta. La spina centrale è un setto verticale che disegna curve plissé pronte a ospitare, sia sul fronte che sul retro, pouf-seduta di diverse profondità.


Nome
© Mattia Balsamini

Gala è un divano che può dare origine a molteplici soluzioni, ed è pensato per interpretare diverse visioni di interni, da contesti abitativi fino ad arrivare all’hotellerie. Tra le altre cose, il nome richiama uno dei pianeti di Guerre Stellari ed è un omaggio indiretto al mondo delle stelle, all’ottimismo e all’avanguardia che caratterizzava quell’epoca.

Nome
© Mattia Balsamini

“Gala è un sistema di sedute contemporaneo ma come sempre la mia ricerca si è mossa libera nel tempo, nella ricerca di riferimenti negli ambiti più diversi, per arrivare ad una sintesi del mio percorso,” ha dichiarato Cristina Celestino. “Se il tema del plissé a me caro, per come investigato da Roberta di Camerino fa parte degli spunti, si è poi contaminato con la moda scultorea e visionaria di Pierre Cardin, all’atmosfera retro-future tipica degli interni anni ’70 e di una produzione di imbottiti di quell’epoca precursori di una visione del prodotto divano molto libera e priva di schemi.”





Tag: Saba Cristina Celestino



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata. — Pubblicato il 09 febbraio 2021

Vedi anche...