Focus


Stem di Philippe Nigro: componibile, elegante e sostenibile

Versatile è la parola che meglio definisce il sistema modulare di librerie e contenitori Stem, design Philippe Nigro, variabile e trasformista a seconda del numero e delle altezze dei montanti e ripiani, ora disponibile nella nuova versione in alluminio.

 

Dall’inesauribile modularità e dalla leggerezza anche visiva, Stem può crescere in altezza come in larghezza, per caratterizzare gli spazi professionali e domestici.

Stem sa essere consolle bassa, libreria executive terra cielo, parete divisoria, protezione acustica, cassettiera e può integrare sedute diverse, dal divanetto con schienale alla panca.

Nome

Nome

Stem è per l’ufficio, la casa, lo store, in hotel, in biblioteca, nell’area break o spazio lounge. Può essere vestito da vari accessori come contenitori aperti o chiusi laccati in tanti colori o con ante rivestite in tessuto. Stem è un ventaglio di soluzioni funzionali, modulari e sistemiche, per dare vita a spazi human friendly.

"Stem è una micro architettura, che guarda oltre il mondo dell’ufficio, capace di coesistere in spazi ibridi e ambienti domestici" - Philippe Nigro

La nuova versione di Stem è realizzata con montanti in alluminio zigrinato (riciclato e riciclabile) uniti da traversi di raccordo orizzontali in alluminio lucido o verniciato e ripiani realizzati in rovere certificato FSC. E’ scomponibile in kit, disponibile in tanti colori raffinati dal rosa polvere e sabbia al verde oliva, dal verde muschio al grigio platino.

Stem si può comporre con schienale e ante rivestite in tessuto, scelti con caratteristiche di fono assorbenza ai fini di garantire un miglior assorbimento del rumore.
La visione Manerba, attenta ai principi di sostenibilità e green economy, si riflette in Stem.



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata. — Pubblicato il 02 agosto 2021

Vedi anche...