Focus


Come si progetta un gioco da tavolo?

Parola a Lorenzo Tucci Sorrentino, CEO di Cranio Creations, editore e distributore di giochi da tavolo fondato nel 2009 a Milano.

 

Complice il lockdown gli italiani, dai piccoli ai grandi, hanno riscoperto la passione di sedersi attorno a un tavolo e giocare con amici e familiari. Quello dei giochi da tavolo è un mercato in continua espansione, e a dimostrarlo sono i numeri registrati negli ultimi anni, come dimostra Assogiocattoli, l’associazione di categoria, nel suo ultimo report: “Come nel 2020, anche quest’anno i giochi in scatola e le costruzioni vanno per la maggiore, confermando il ritorno al gioco dei più grandi - i cosiddetti kidult - grazie a giocattoli in grado di intrattenere tutti ed eliminare ogni gap generazionale. Un anno che ha mostrato a tutti quanto l’atto del giocare sia fondamentale, essenziale, tanto che i giocattoli sono stati riconosciuti come beni primari rispetto ad altre categorie merceologiche”. Ma come si progetta un gioco, dal punto di vista del contenuto e del design? Lo abbiamo chiesto a Lorenzo Tucci Sorrentino, che ha fondato a Milano Cranio Creations, editrice e distributrice di giochi da tavolo dal 2009.

“Sogni per bambine ribelli” è stato recentemente selezionato per il Premio Compasso d'Oro ADI. Quanto design c’è in un gioco da tavolo?

Un gioco da tavolo è un oggetto che è caratterizzato da un duplice studio di design. Da un lato c'è il design del prodotto (illustrazione, grafica, pack) e dall'altro il design del gioco (meccaniche e ambientazione). Solo il connubio funzionale di questi due ambiti di design riesce a creare prodotti completi e competitivi.

Quali sono gli ingredienti che non devono mancare per progettare un gioco da tavolo di successo?

Per riuscire a finalizzare un prodotto di successo c'è bisogno di tanto tempo a disposizione per studiare tutti gli aspetti del progetto, di aver le idee chiare sugli obbiettivi e bisogna collaborare con un professionista dal profilo adeguato che dia lustro all’opera.

“Sogni per bambine ribelli” si ispira al libro best seller che ha venduto oltre 5 milioni di copie nel mondo. Come siete riusciti a tradurre le caratteristiche del libro e trasformarle in esperienza interattiva?

Abbiamo lavorato a braccetto con Rebel Girls Inc per cercare di veicolare i valori portati avanti dal best seller: inclusività, educazione e scoperta. Abbiamo così creato un gioco collaborativo che attraverso l'esperienza di gioco insegna a conoscere e rispettare alcune delle grandi donne della storia.

Il gioco da tavolo rappresenta anche un'occasione di aggregazione, una questione importante in un momento storico in cui il bisogno di socialità è maggiore. Quanto conta questa dimensione per voi di Cranio Creations?

La necessità di società e di relazione è uno dei principi fondanti di Cranio Creations. Creiamo prodotti che permettano alle persone di scoprirsi attraverso la riflessione e il confronto offrendo emozioni che creano dipendenza (ride, ndr). Credo che i buoni giochi in scatola abbiamo aiutato gli italiani a sopravvivere in questi ultimi anni difficili e abbiano aperto breccia grazie alle emozioni positive che regalano a chi li apprezza.



 



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata. — Pubblicato il 16 novembre 2021

Vedi anche...

La carbon footprint spiegata (e uno sguardo alle strategie di contrasto al climate change)

Mai sentito parlare di carbon footprint o, più genericamente, impronta ecologica? Si tratta di una misura per valutare l’impatto ambientale attraverso le emissioni di gas serra che ognuno di noi produce. Siccome il tema è  quanto mai di attualità, ecco un piccolo vademecum per orientarsi in proposito.

 

Mai sentito parlare di carbon footprint o, più genericamente, impronta ecologica? Si tratta di un...