Focus


La Mastaba di Christo e Jeanne-Claude si ergerà nel deserto a sud di Abu Dhabi

L’opera mastodontica, concepita nel 1977, sarà la più grande scultura contemporanea del mondo.

 

La Mastaba è l’ultimo progetto della coppia Christo e Jeanne-Claude: la scultura contemporanea più grande (in volume) del mondo, è stata concepita nel 1977 e verrà finalmente costruita nel deserto di Liwa, a 160 chilometri da Abu Dhabi. 

christo_1
Christo in his studio with preparatory works for The Mastaba, New York City, 2012. Ph: Wolfgang Volz © 2012 Christo and Jeanne-Claude Foundation

christo_2
Ph: André Grossmann © 2013 Christo and Jeanne-Claude Foundation

L’opera sarà realizzata con 410mila barili multicolori, a formare un mosaico tridimensionale ispirato alle architetture islamiche. Lo stesso nome (Mastaba) riprende quello di un particolare tipo di tomba monumentale che veniva utilizzata durante le prime fasi della civiltà egizia.

La Mastaba sarà alta 150 metri (492 piedi), lunga 300 metri (984 piedi) alle pareti verticali e larga 225 metri (738 piedi) alle pareti inclinate di 60 gradi. I colori e il posizionamento dei barili di acciaio da 55 galloni sono stati scelti da Christo e Jeanne-Claude nel 1979, anno in cui gli artisti visitarono per la prima volta gli Emirati Arabi Uniti.

christo_3
The Mastaba of Abu Dhabi (Project for United Arab Emirates). Scale model 1979. Ph: Wolfgang Volz © 1979 Christo and Jeanne-Claude Foundation

Fondata sul report di fattibilità strutturale sviluppato dalla Hosei University di Tokyo, richiesto dalla coppia di artisti tra il 2007 e il 2008, l’enorme scultura verrà costruita in almeno tre anni. L'intera sottostruttura e lo strato di canne saranno assemblati in piano sul terreno. Dieci torri di elevazione permetteranno di sollevare l'intera struttura su rotaie fino alla sua posizione finale in circa due settimane.

christo_4
Christo and Jeanne-Claude looking for a possible site for The Mastaba. United Arab Emirates, 1979. Ph: Wolfgang Volz © 1979 Christo and Jeanne-Claude Foundation

christo_5
Christo and Jeanne-Claude introduce The Mastaba project to Ali Al Bedoor. United Arab Emirates, 1980. Ph: Wolfgang Volz © 1980 Christo and Jeanne-Claude Foundation

Nel 2012, dopo la morte di Jeanne-Claude avvenuta nel 2009, Christo ha commissionato a Pricewaterhouse Coopers e Albright Stonebridge Group delle analisi sui benefici sociali ed economici della Mastaba. Come tutti i progetti di Christo e Jeanne-Claude, la Mastaba sarà autofinanziata e non richiederà finanziamenti governativi.

Il rapporto di Christo e Jeanne-Claude con Abu Dhabi risale al 1979, quando visitarono per la prima volta l'Emirato. Da allora i coniugi sono tornati molte volte, a dimostrazione del legame con il territorio e di una forte amicizia con la gente di Abu Dhabi.

christo_6
Christo in his studio working on a preparatory drawing for The Mastaba. New York City, 2012. Ph: Wolfgang Volz © 2012 Christo and Jeanne-Claude Foundation

christo_7
Christo and Jeanne-Claude looking for a possible site for The Mastaba, 1982. Ph: Wolfgang Volz © 2012 Christo and Jeanne-Claude Foundation

La Mastaba sarà l'unica opera d'arte pubblica permanente su larga scala di Christo e Jeanne-Claude e anche il loro progetto finale. Per volontà di Christo, la Mastaba sarà realizzata da suo nipote Vladimir Yavachev, che ha lavorato con gli artisti per oltre tre decenni e recentemente ha diretto L'Arc de Triomphe, Wrapped.





Tag: Christo



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata. — Pubblicato il 04 febbraio 2022

Vedi anche...

La carbon footprint spiegata (e uno sguardo alle strategie di contrasto al climate change)

Mai sentito parlare di carbon footprint o, più genericamente, impronta ecologica? Si tratta di una misura per valutare l’impatto ambientale attraverso le emissioni di gas serra che ognuno di noi produce. Siccome il tema è  quanto mai di attualità, ecco un piccolo vademecum per orientarsi in proposito.

 

Mai sentito parlare di carbon footprint o, più genericamente, impronta ecologica? Si tratta di un...