Focus


Bovisa diventa un laboratorio urbano per la mobilità sostenibile e integrata


"La rigenerazione della Bovisa è uno dei tasselli strategici di Milano 2030"

 

A Milano fioccano i progetti di rigenerazione urbana, da Crescenzago a Piazzale Loreto, fino ad arrivare a Bovisa, di cui è stato appena svelato il masterplan: un hub di interscambio modello tra mobilità su ferro, trasporto pubblico e smart mobility, in grado di riconnettere le aree ad est e ovest della stazione; un insediamento complementare al campus universitario e al nuovo distretto tecnologico che il Politecnico di Milano realizzerà nell’area della Goccia; un progetto di comunità, dove gli abitanti e gli studenti rendono attivo l’insieme di nuovi edifici e servizi; un laboratorio, inteso come spazio pilota, per testare nuove soluzioni tecnologiche.

Nome

Nome

MoLeCoLa (Mobility, Learning, Community, Lab) è il progetto per il Nodo Bovisa che ha convinto la giuria della seconda edizione di Reinventing Cities, il bando internazionale indetto dal Comune insieme a C40. La proposta è stata presentata da Hines con il supporto di Park associati, Habitech, ESA Engineering, Bollinger+Grohmann, Mobility in chain, Greencure, Istituto per la ricerca sociale (IRS), Schneider electric, A2a Calore e servizi, Woodbeton e Ammlex. Ora è in corso la valutazione di alcuni aspetti tecnici ed economici da parte di Comune di Milano e FNM S.p.A. per decidere se procedere all’aggiudica del bando su questa specifica area.

"La rigenerazione della Bovisa è uno dei tasselli strategici di Milano 2030", ha detto l’assessore all’Urbanistica Pierfrancesco Maran. “Parliamo di un quartiere dalle enormi potenzialità, caratterizzato da un vivace fermento culturale, sociale e una sempre più marcata vocazione universitaria. Lo sviluppo del Nodo, con il potenziamento della ferrovia e il recupero di aree dismesse, unitamente ai grandi progetti del Politecnico per l’ampliamento del Campus e la realizzazione di un parco di oltre 300mila m2, rappresentano una straordinaria opportunità per ricucire parti di territorio sconnesse e potenziare la stazione quale punto di riferimento per la mobilità, creando un collegamento forte lungo l’asse che da Porta Nuova e dallo Scalo Farini arriva a Mind e Cascina Merlata. Confidiamo quindi che si creino le condizioni per realizzare questo progetto".

Nome

MoLeCoLa si inserisce nel concetto di “città dei 15 minuti” e prende forma su un’area di circa 90mila metri quadrati. In programma c'è la realizzazione di due studentati e nuovi alloggi, con un’ampia offerta di soluzioni in affitto dedicate a studenti, giovani lavoratori o professionisti, anche per brevi periodi. A questi si aggiunge la creazione di piazze, giardini, percorsi ciclabili, aree verdi e più di 750 alberi, campi sportivi, dehors. La connessione tra le aree di Bovisa e Villapizzone sarà garantita da due nuovi percorsi ciclopedonali. Un boulevard alberato collegherà inoltre le tre piazze che attiveranno una via urbana, unite tra loro da un viale alberato lungo il quale si estende la linea tramviaria insieme ad un percorso ciclopedonale. I lavori saranno ultimati entro il 2026.

Nome

 

 

 





Tag: Milano Sostenibilità Cambiamento



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata. — Pubblicato il 20 maggio 2021

Vedi anche...