Focus


Dieci candelabri d’autore per la lotta contro il cancro

 

Dieci designer si confrontano con il tema del candelabro. È il concept dell’iniziativa benefica “A flame for research” promossa da Mingardo, brand di Monselice (PD) specializzato nella lavorazione dei metalli da oltre 50 anni. L’occasione è l’edizione di settembre di Fuorisalone, dove presso lo spazio Offstage, in Piazza Luigi Vittorio Bertarelli al numero 4, verrà svelata una raccolta inedita di candelabri concepiti ad hoc da una serie di autori nostrani e internazionali, sotto la guida di Federica Sala. I designer: Michele De Lucchi, Jaime Hayon, Philippe Malouin, Alberto & Francesco Meda, Luca Nichetto, Matteo Thun, Patricia Urquiola, Marcel Wanders studio, Panter & Tourron e Federica Biasi, già art director di Mingardo.

Nome
Daniele Mingardo - Foto di Stefania Zanetti

“Nel 2013 mia madre ci ha lasciati per un cancro al pancreas,” racconta Daniele Mingardo, a capo dell’omonima carpenteria metallica. “Lei lavorava in officina, con me e mio padre. È passato qualche anno e solo ora ho capito che mi piacerebbe fare qualcosa per qualcuno, come avrei voluto succedesse per lei. Ho capito quindi che per fare un gesto concreto devo farlo attraverso ciò che mi riesce meglio e quello che sono: fare il fabbro.”


Leggi anche: Il programma di settembre di Fuorisalone



Tutti i pezzi che compongono la collezione saranno venduti da Christie’s in un’asta battuta da Cristiano De Lorenzo il 15 settembre presso Mariencò, in via Ampola 18. I proventi saranno interamente devoluti all’Istituto Mario Negri, implementando concretamente la ricerca scientifica contro il cancro.

"Un progetto collettivo, immediatamente sposato con entusiasmo da tutti, che dimostra come si possa concretamente fare parte di quella società civile impegnata di cui abbiamo bisogno oggi”, spiega la curatrice Federica Sala. “Dieci candelabri, uno più bello dell’altro, per sostenere la ricerca dell’Istituto Mario Negri, l’ente morale senza scopo di lucro che dal 1961 è attivo nel campo della ricerca biomedica, scegliendo di non brevettare le proprie scoperte, ma di metterle a disposizione per il progresso della scienza e della salute dei pazienti".

Nome
Daniele Mingardo, Federica Biasi e Federica Sala - Foto di Stefania Zanetti





Tag: Mingardo



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata. — Pubblicato il 31 agosto 2021

Vedi anche...