Focus


Singapore celebra il design

15 Padiglioni nazionali e due importanti novità rispetto alle quattro edizioni precedenti: tutto quello che c'è da sapere su IFFS

 

Torna la Design Week di Singapore che dall’8 all’11 marzo anima l’isola e la città con eventi e installazioni dedicati a far emergere il valore del design indonesiano e orientale, oltre che a facilitare l’incontro con aziende e designer internazionali.

 

IFFS: COSA SUCCEDE IN FIERA?

All’interno del quartiere fieristico, si terrà l’IFFS, International Furniture Fair Singapore che - con il 35esimo Asean Furniture Show e NOOK Asia 2018 - offre un’ampia prospettiva dell’industria dell’arredo attraverso un’esperienza che introduce nuove tecnologie, celebra il design e facilita le opportunità di business e di networking.

In particolare, con la presenza di 15 Padiglioni nazionali, i visitatori possono avere un’ampia prospettiva sull’industria del design locale. Inoltre, Francia, Giappone, Portogallo e Turchia fanno il loro debutto all'evento, mentre Belgio, Cina, Hong Kong, India, Indonesia, Italia, Filippine, Singapore, Taiwan, Tailandia e Vietnam riconfermano la loro presenza, rafforzando la posizione della fiera come una vera piattaforma commerciale internazionale.

 

Muovendosi tra i padiglioni, i visitatori potranno facilmente farsi un’idea su stili e prodotti proposti e in più potranno visitare CARTE BLANCHE, il progetto sviluppato da IFFS e Chantal Hamaide, founder del design magazine francese Intramuros: una esposizione di oggetti, arredi, accessori e la piazza in cui si svolgono seminari e conferenze che esplorano il tema delle “Nuove tradizioni”.

 

Inoltre, torna il designer italiano Giulio Cappellini con l’esposizione “Il nuovo rinascimento italiano”, che questo anno si modella intorno a una tipica abitazione nobiliare italiana e metterà in mostra i maggiori brand del design e dell’arredo made-in-Italy all’interno di diversi contesti, dalla living room alla camera da letto. Un’esperienza immersiva per i visitatori che potranno aggirarsi tra le diverse stanze ed entrare in contatto diretto con pezzi iconici moderni e rappresentativi del periodo rinascimentale.

 

UNA MANIFESTAZIONE IN CRESCITA

Agnes Kwek, direttore esecutiva del DesignSingapore Council, l'organizzatore del festival, ha dichiarato: "Abbiamo un sacco di professionisti nella comunità del design capaci di intuire i bisogni delle persone. È il momento di lasciare che la comunità del design sia più attiva e prenda il posto di guida."

Rispetto alle precedenti edizioni, si registra un numero crescente di iniziative e di collaborazioni con importanti partner internazionali anche al di fuori del quartiere fieristico:

"Il nostro sogno è quello di rendere questo momento una celebrazione annuale che sia veramente di proprietà della comunità del design" - continua Agnes Werk - "Siamo entusiasti del modo in cui il nostro nuovo modo di lavorare con i partner del settore ha prodotto molte più idee creative e speriamo che Singapore Design Week diventi la piattaforma di lancio per molte di queste attività e business".

 

COSA NON PERDERE

Due importanti novità rispetto alle quattro edizioni precedenti sono il Singapore Urban Design Festival in Tanjong Pagar e District Design Dialogue in Holland Village, che presenta installazioni, workshop e altre attività che coinvolgono la vita degli abitanti della zona.

Inoltre, quest’anno ci sarà per la prima volta la “Brainstorm Design Conference”, curata dai team editoriali di Fortune, Time e Wallpaper*:  i partecipanti potranno incontrare più di 60 leader globali dell’industria del design e discutere con loro come il design può trasformare economie, comunità e vite. Tra gli speaker principali ci sono Elizabeth Laraki, il direttore di Product Design di Facebook, e Lee Seow Hiang, chief executive di Changi Airport Group.

 

Un altro evento da non perdere è SingaPlural 2018 che mostra installazioni progettate dall’industria creativa locale e internazionale che esplorano l’importanza del gioco nel design e che si tiene al National Design Centre in Middle Road.

 

Infine, City Ramble Design Trails offre diversi tour attraverso luoghi di importanza storica e architetturale, come Market of Artists And Designers in Light Marina Bay, e Bras Basah.Bugis Arts Sprawl in Queen Street.



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata. — Pubblicato il 06 marzo 2018

Vedi anche...

La carbon footprint spiegata (e uno sguardo alle strategie di contrasto al climate change)

Mai sentito parlare di carbon footprint o, più genericamente, impronta ecologica? Si tratta di una misura per valutare l’impatto ambientale attraverso le emissioni di gas serra che ognuno di noi produce. Siccome il tema è  quanto mai di attualità, ecco un piccolo vademecum per orientarsi in proposito.

 

Mai sentito parlare di carbon footprint o, più genericamente, impronta ecologica? Si tratta di un...