Focus


Architonic presenta la sua Global Design Agenda 2021

 

Stiamo vivendo un periodo di distacco– e di cambi rapidi –questo è chiaro. In futuro lo sarà di meno.

Dall’inizio del 2021, Architonic ospita la Global Design Agenda – un programma accattivante di settimane dedicate a design, approfondimenti nella progettazione, trend di mercato e lanci di novità, ognuna rivolta ad una categoria di prodotto o settore d’industria specifici.


Scarica la tua copia della Global Design Agenda 2021


Nome

Prodotti Premium, esperti Premium

L’idea è semplice: fornire l’orientamento, il focus e l’ispirazione sia ad architetti che ad altri professionisti nella progettazione in un momento dove mancano fiere di design fisiche e prevale un digitale gratuito per tutti.

Architonic.com ad oggi si è costruita la propria reputazione nell’industria A&D durante le ultime due decadi e funge da filtro – grazie alla selezione di Premium brands da parte di una giuria costituita da architetti, solo il meglio viene presentato nella nostra libreria di prodotti così da poter risultare nei progetti dei nostri utilizzatori.

Per la Global Design Agenda 2021 abbiamo esteso i nostri approfondimenti Premium a relatori da noi selezionati e che risultano essere i maggiori players di mercato per quanto riguarda il tema di focalizzazione: architetti, architetti d’interni, architetti urbanistici, designers di prodotti, ricercatori ed altri professionisti.

A nomi importanti – come Patrik Schumacher, Ben van Berkel, Jay Osgerby, Hella Jongerius, Konstantin Grcic e Carlo Ratti – sono state rivolte domande di forte interesse, come ad esempio "Come sarà l’ufficio del futuro?", "Che cosa si intende veramente parlando di sostenibilità?" e "Quale forma assumeranno gli spazi pubblici in un’era post-pandemia?" – oltre a rivelare il loro modo personale di progettare e selezionare prodotti di categorie come quelle dell’illuminazione, l’arredamento, la pavimentazione, le cucine, i bagni, l’outdoor ed il tessile.
 

Discorsi forti, contorni leggeri

"Dobbiamo smettere con le bugie ed essere più trasparenti" è stata la risposta di getto ricevuta da Andrea Rossi di Mario Cucinella Architects’ quando è stato chiesto, durante la Design Week sulla Sostenibilità, qual è la vera modifica che l’industria deve attuare. Per il Designer olandese Richard Hutten è giunto il momento per i produttori di essere umani: "Se realizzi un prodotto, ma come azienda non ti prendi la responsabilità di pensare al suo riciclo...si tratta solo di ecologismo di facciata."

Quando si tratta dell’era del New Work – ovviamente accelerato a causa della pandemia Covid – Claesson Koivisto Rune’s Eero Koivisto aveva predetto che sarebbe stata la morte di arredamento contract veramente spigoloso’, mentre Jay Osgerby del design duo Barber Osgerby aveva affermato di credere che ‘"li uffici si stanno trasformando in spazi sempre più piccoli per ritrovarsi come in club riservati a soli frequentatori selezionati".

Nel frattempo, Patrik Schumacher di Zaha Hadid Architects’ si era dichiarato ‘a favore della privatizzazione di spazi pubblici’ come la soluzione migliore per raggiungere un campo pubblico nato in modo creativo, attivo, sostenibile. Per Neill McClements di Grimshaw “sta divenendo chiaro quanto siano importanti le interazioni sociali per la nostra salute e benessere e questo deve avere priorità assoluta nella creazione di futuri spazi urbani”

Uno stuolo di voci che manifestano diversità di opinione e conoscenza tratta dall’esperienza di professionisti da tutto il mondo. Ma non è finita qui. Questo autunno prevede altre cinque Global Design Weeks per seguire: mobili, superfici, illuminazione, uffici e prodotti di finitura.

Iscriviti quindi ad architonic.com per quella che promette di essere più di una grandiosa Global Design Agenda, combinata alle ultime novità e prodotti dei migliori brands mondiali.

Ti sei perso gli speakers della nostra Global Design Agenda? Li puoi trovare qui



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata. — Pubblicato il 23 agosto 2021

Architonic AG
Müllerstrasse 71
CH 8004 Zürich - Switzerland

T. +41-(0) 44-297 20 20
F. +41-(0) 44-297 20 21

Vedi anche...